Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

A false memory would be everything.

‎…Aveva poche parole da dire, come se la condivisione del sé potesse far crollare le sue certezze, i suoi schemi diligentemente programmati, i suoi muri pazientemente costruiti, le sue maschere abilmente dipinte, la sua intimità segretamente custodita… I suoi rumorosi silenzi e le sue parole accennate avevano creato un solco, divenuto baratro nel tempo, che gli consentiva di respirare, di vivere senza troppe spiegazioni… egli sapeva benissimo che se dal baratro avesse iniziato a parlare, sarebbe stato impossibile fermare l’eco dei suoi pensieri…

Mi sarebbe bastato poco, qualche accenno alle sue riflessioni, ai suoi ricordi, ma il suo spazio e il mio spazio non si fondevano mai, nemmeno nel mondo onirico in cui spesso mi rintanavo, per non ricordare a me stessa la distanza fisica, a cui siamo sempre stati destinati…

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: