Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Pensieri

Si affacciano i pensieri ad altri pensieri

che a loro agio nel buio della notte

si confondono ora

abbagliati dai colori e dai rumori del mattino.

Si avvolgono i pensieri ad altri pensieri,

nodi inestricabili

tra gli interstizi neuronali.

Giocano i pensieri con altri pensieri

e sono ordine, logica, consapevolezza

mentre tu parola e linguaggio,

calcolo, funzione e strategia.

Si trasformano i pensieri in altri pensieri

e divento arte, passione, intuizione

tu gusto e colore,

movimento e fantasia

suono fragoroso di una calda risata.

E scoppiano i pensieri insieme ad altri pensieri

e non mi mollano ora

mentre tu mi ignori ancora.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

17 pensieri su “Pensieri

  1. veramente bellissima

    Mi piace

  2. I Want To Tell You…

    Mi piace

  3. Eccoci.
    È da ieri che tento di scriverti (ma non mi funzionava wordpress… non so perché!) il seguente commento:

    “che bella!”

    : )

    r.

    Mi piace

  4. scoppiano i pensieri: un’immagine forte, deflagrante. brava

    Mi piace

    • No, secondo me è la prima quartina quella che spacca. Mi piace tantissimo. La trovo… coraggiosa, come stile, come sintassi… boh, oggi sono strano mi sa.

      Mi piace

      • a me piace l’idea che i pensieri possano scoppiare. cosa c’entra il No iniziale al tuo commento?

        Mi piace

        • uhm… credo sia una specie di topicalizzatore, come un dai, o roba simile. A me che i pensieri possano scoppiare in ogni caso fa un po’ paura…

          Mi piace

          • Grazie a tutti e due per i complimenti inaspettati…. ah che bella sensazione vedere difendere a spada tratta un verso piuttosto che un altro… Mai capitato, mi posso trastullare un po’ su questa cosa??? 😀 Troviamo una mediazione: i pensieri sono come il fiato, l’alito caldo e al sicuro tra la tua faccia e il cuscino per tutta la notte. Poi arriva il mattino e quando ti alzi l’alito si disperde nella stanza. Ora supponiamo che la stanza (che è la tua mente) sia un palloncino e i pensieri l’alito. Con l’alito il palloncino si gonfia, così tanto da scoppiare…. sbammm!!! Subito dopo il fiato si disperde nell’etere e il palloncino vuoto si affloscia…. se la mente funzionasse come un palloncino sai quanti problemi irrisolti ci sarebbero nell’aria? Se poi fossero veramente colorati rispetto all’aria circostante, qualcuno vedendoli potrebbe suggerirti una soluzione… Ok non ho bevuto…!!! Ma quella strana oggi mi sa che sono io 😀

            Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: