Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

nero omogeneo & bianco discontinuo

Continua da qui
Sì lui sarebbe stato in grado di prendere il suo posto, di colmare quel vuoto. Premuroso, gentile, responsabile. Sì sicuramente tale fino alla conquista della sua preda, fino alla resa incondizionata ai suoi voleri.
E dopo, che genere di uomo si è rivelato? Un uomo che sputa rabbia, che, subdolo, prepara tranelli per coglierti in flagrante e che di fronte all’onestà si sente spiazzato e medita vendetta. Un uomo che si è dimenticato della tua importanza e del tuo valore. Uno che lascia profonde ferite ed estesi ematomi dentro la tua anima, che si alza la mattina col sorriso sulle labbra, come se niente fosse, pretendendo attenzioni e slanci di affetto, perdoni e rinascite.
E tu perchè accetti ancora tutto questo mamma? Per me? Per non farmi mancare un padre, per non farmi sentire il vuoto che sentisti tu? Affinchè, per colmare quel vuoto, io non vada a cercarlo nelle braccia di un tipo qualsiasi senza scegliere attentamente? Perchè mortifichi la tua anima e il tuo corpo? Perchè accetti questa tua condizione? Perchè non ti liberi? Io sono già grande e capirei, accetterei. Non è peccato in questo caso, nelle tue condizioni…
E a Francesco ci pensi ancora? A quei suoi occhi, alle sue maniere gentili, alle sue premure? A come sarebbe stato? Perchè non lo cerchi mamma? Perchè non provi a ritornare ad essere felice?
Tu ti giravi verso di me e con voce decisa dicevi: “Adesso basta, Laura, finiscila con tutte queste domande!”
“Ma Daniela che stai dicendo? Sei impazzita? Guarda che qui non ha parlato nessuno!”.
Papà non poteva capire il dialogo dei nostri pensieri.
L’auto continuava a correre sul nero omogeneo e il bianco discontinuo della strada
Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “nero omogeneo & bianco discontinuo

  1. Direi più che buono è questo finale dove madre e figlia si parlano telepaticamente.
    Direi che quello che hai poensato come storia breve mi sembra veramente ottimo. Una lettura piacevole e fluida condita da una buona analisi dei pensieri.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: