Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Autunno (deliri notturni per giorni a rime alterne)

Non spazzare le foglie
da questo mio autunno
collezionate
secondo i ritmi di caduta
per colori e scricchiolii
per battere e levare
per farne tappeto di capriole
a caviglie deboli e teste pazze.

Ho sollevato un attimo lo sguardo
inseguendo ali di gazze
tra covoni di fieno
parabrezza sporchi
e cieli a chiazze
per imparare la tregua dei sospiri
per concedere ai miei occhi nuove dissolvenze.

Ma ho perso i miei equilibri gravitazionali.

Non sollevare dunque le foglie
di questo mio autunno
accartocciate
secondo i tempi di disidratazione
lasciale a terra vermiglie di passioni
a custodire lucide emozioni
ad avvolgere profonde radici
ad affermare costanti volontà.

Concedimi i piedi a terra e i pensieri tridimensionali.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: