Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Tutto d’un fiato

Ho detto “sopravvivo”?
No in realtà
volevo dirti tutto d’un fiato
che mi sei mancato
che i giorni contati sono troppi
che sono felice di saperti a un passo
così vicino
che il cuore mi è rotolato in petto
e che sono triste di saperti a un passo
così lontano
da non poterti sfiorare.
A un passo
sotto la stessa coperta di stelle
a non troppe finestre di distanza, se le conti.
Scuoto la testa per cacciare i desideri
sbatto fuori i pensieri che si calmino
che non ci posso far niente
se mi cambi mondo e prospettive.

Poi penso “e tu?”
Tu provi? Senti?
Hai quest’urgenza di tempo parole vicinanza?
Anche solo il pensiero?
Solo un pensiero?
E quando mi rispondo
il cuore diventa immobile
le stelle si spengono
le finestre chiudono i battenti.
E io forse muoio un po’.

Togli il forse.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Tutto d’un fiato

  1. il cuore mi si è rotolato in petto…

    magnifico verso!

    Liked by 1 persona

  2. Quando si ama non riamati, tutto diventa difficle e anche la minime distanze appaiono siderali.
    Un poesia profonda e toccante, dove le parole esprimono tutto.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: