Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Il futuro adesso

C’era uno schermo grande
sedie in fila tutte intorno
giovani donne
con occhi ammiccanti
corpi da capogiro
pendenti dalle tue labbra.
Io mi sentivo una comparsa
un copione con poche battute
l’osservatore in disparte
la mimesi del bianco di fondo.
In tutto quel vociare del prima
i tuoi occhi erano gli unici oratori muti
riflettori abbaglianti impossibili
da spegnere nella sala affollata.
Ricordo il tuo volto appena voltato
la vista della tua schiena
il contorno del tuo corpo
nell’annullarsi dello spazio intorno
il film che prometteva il presente di oggi
come futuro.
Adesso è quel futuro.
Io continuo a mimetizzarmi
col fondo
e rimani tu il protagonista
delle mie sceneggiature migliori.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

8 pensieri su “Il futuro adesso

  1. Corpi da capogiro è una sintesi efficacissima!

    Liked by 1 persona

  2. Come in una sala cinematografica si osserva un film, così tu descrivi una scena dove il protogonista è lui. Scene da film in poesia.

    Liked by 1 persona

  3. Bella, rende benissimo l’idea… ma l’idea non mi piace… 😐

    Liked by 1 persona

  4. mi ricorda una splendida canzone di Paolo Conte. “Un fachiro al Cinema”
    siccome amo Paolo Conte, tranne tu le conseguenze
    🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: