Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Nel caos ho sentito forte il tuo silenzio

C’era un viavai
un andirivieni
un saliscendi impossibile
poi inaspettatamente
qualcosa di familiare
come profumo di mare e d’inchiostro
e un pensiero che rigira all’infinito.
Solo alla fine un capogiro
quando l’occhio si è posato tra due mani
sconosciute e intrecciate
una molletta per capelli
appesa alla borsa di lui
visibile
un portafoglio maschile
nella borsa di lei
immaginato
un’appartenenza che io non conosco.
Tra le cose che avrei voluto farti custodire
– penso –
ci sarebbero state le mie mani
il mio profumo di mare e d’inchiostro
e un cuore.
E di te invece avrei custodito ogni andirivieni
e quella tua aria familiare che
illogicamente
sento ancora intorno e dentro di me
che rigira all’infinito.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Nel caos ho sentito forte il tuo silenzio

  1. Bella come sempre, mi piace questo scambio di oggetti da custodire, in cui leggo anche uno scambio di memorie che lascia sempre, qualunque cosa succeda, un po’ di uno nell’altro

    Liked by 1 persona

  2. Le mani. Un particolare che ha colpito la fantasia e l’immaginazione. Dettagli importanti rimasti impressi.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: