Soliloquio in compagnia

Una delle cose che succede quando scrivi sulla tua vita è che educhi te stesso. Andy Warhol

Archivi per il mese di “gennaio, 2017”

Condominio numero 6

macerie

E’ al piano numero tre

che hanno scuoiato i muri

le tubature si stagliano come tendini a vista

la polvere volteggia nell’aria e la intasa

e un polmone di macerie l’accoglie

tossendo come tossico.

In controluce si esaltano le rimanenze

i punti fermi

il corpo profanato prima della rinascita.

Mi sarebbe piaciuto dirtelo prima di dimenticare

di nuovo

la tua lettera piegata in quattro

in fondo alla cartellina delle bollette dell’Enel.

Ché non era niente di importante

prima di pensarci.

Ché non eri niente di importante

prima di pensarti.

Annunci

Riavvolgere

3197227308_ea6a61881d_m

In questo paese levigato dal freddo

c’è un casa che ha uno sguardo sulla strada maestra

-dal nome orfano di acca slava-

e uno che sbircia dentro gli alberi

che si inerpicano fin su, oltre il castello.

E’ lì che avrò dimora:

ci sarà qualcosa che sfrigolerà sul gas

una tenda scostata per sorprendere una macchia di nuvola

appesa a una gru che spezza il rosso e blu

del cielo che muore al tramonto.

Forse fuori il vento esaspererà gli alberi

le foglie balleranno su una musica d’asfalto

e rettangoli di luce si inchineranno al cordoglio dei balconi.

Alla televisione daranno un jingle imparato a memoria

e sarà di nuovo Natale.

Ti manderò una foto che faticherà ad arrivarti

qualche parola sfuggita senza timore

come tuffo di sasso nella densità del tuo cuore

e che concentrica si allarghi.

Di rimando, tu, una risata

ad annullare tutte le nostre distanze.

 

 

 

 

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: